Your Shopping Cart  

Il carrello è vuoto.

Member Login  

Ricerca Avanzata:
Voland arrow AMERICA - VLADIMIR MAJAKOVSKIJ - VOLAND

AMERICA - VLADIMIR MAJAKOVSKIJ - VOLAND

Prezzo: €12.00

AMERICA - VLADIMIR MAJAKOVSKIJ - VOLAND
Visualizza Ingrandimento


  • Dettagli
  • Visualizza visti di recente
Cristoforo Colombo aveva detto: "Con il nome di Nostro Signore sono di partenza per scoprire più isole e terre ferme di quelle delle Indie come le Vostre Altezze mi ordinarono. Io vado con tre caravelle". E sappiamo com'è andata finire… Ma ora andiamo anche noi a scoprire l'America - quella dell'anno 1925 - accompagnati da una guida d'eccezione come il "poeta della rivoluzione", il russo Vladimir Majakovskij (1893-1930). Anche lui, novello Colombo. Andò a scoprire la "sua" America lasciando versi estremamente emblematici, significativi: "Vedo, come fosse adesso/ avanzi e bottiglie…/ In un porticciolo/ famoso/ per una sola bettola/ Colombo Cristoforo/ e altri scapestrati/ siedono, / berretti/ calcati sulle ventitré". Tutto questo incipit per finire, poi, con versi duri: "Per quanto mi riguarda, / io / personalmente, / io coprirei l'America, / le darei una pulitina/ e poi/ la scoprirei di nuovo: / per la seconda volta". E c'è, qui, tutta la zampata vigorosa del personaggio che se da un lato suscita atteggiamenti di contestazione, dall'altro si impone per la qualità e l'autorevolezza delle posizioni intellettuali…
E così cerchiamo, in sintesi, di ricostruire questa "missione" americana dell'anno 1925 che tanta parte ha avuto nella vita di Majakovskij. L'occasione è questo libro che ripropone "La mia scoperta dell'America" (un lavoro scritto tra il 1925 e il gennaio 1926 dal quale, poi, il poeta ricavò tre pezzi più brevi) e "Versi sull'America". Sono, tutte, pagine di grandi pensieri, agili ed esaurienti. Sempre con una semplicità di linguaggio pur se caratterizzati da un misto d'entusiastica, stupita attrazione e rabbia. Gli scritti di Majakovskij, in questa edizione presentata dalla romana "Voland", sono curati con estrema attenzione (le nuove traduzioni sono di Fernanda Lepre e Stefano Trocini) e introdotti da una nota editoriale che si caratterizza per precisione e sinteticità pur se si è di fronte a complessi versi ed eventi d'attualità storico-letteraria.
E, comunque, l'edizione più ricca è quella delle Opere complete in tredici volumi, apparse a Mosca tra il 1955 e il 1961 a cura dell'"Istitut Mirovoj Literatury imeni A. M. Gor'kogo" (Istituto di letteratura mondiale A. M. Gor'kij) dell'Accademia delle scienze dell'Urss. In tutte queste opere, che vogliamo qui ricordare, si ritrova l'intero percorso letterario del poeta. Per l'Italia, comunque, ci possiamo riferire a quel "cofanetto" di "Opere" di Majakovskij edito dagli Editori Riuniti, a cura di Ignazio Ambrogio, datato 1958.
Tornando ora a questa "America" abbiamo la possibilità di rileggere, grazie a chiare traduzioni, le considerazioni del poeta, i suoi concetti di "modernità", le sue "visioni". Un Majakovskij che attratto al progresso, dalla velocità e dalle contraddizioni, si trovò ad oscillare tra varie posizioni. E da tutto quel patrimonio letterario che ora rileggiamo scopriamo che vi sono ancora pagine di straordinaria attualità. E molti, comunque, i punti non approfonditi. Proprio perché, col passare degli anni con l'apertura di molti archivi, si sono "scoperte" nuove pagine di vita. E così, dopo l'onda delle emozioni, arriva come sempre quella della verità. Che ci porta a ricordare che proprio nel viaggio alla scoperta dell'America Majakovskij ebbe modo di conoscere ed amare un'emigrata russa di nome Elisaveta Petrovna Ziberg. E da lei ebbe una figlia di nome Elena. Appunto: Elena Vladimirovna Majakovskaja. Ma su questa "pagina" per molti e molti anni si è fatto silenzio. Con Majakovskij il quale, ostinatamente, non accennò mai apertamente ad una relazione sentimentale avuta in America. Ma questa - come si dice - è un'altra storia. A noi, oggi, rersta un rinnovato interesse per scoprire l'America di Majakosvkij il quale diceva: "Obiettivo di queste mie note è - nel presentimento d'una lotta di là da venire - stimolare lo studio dei lati deboli e forti dell'America".

Recensione di Carlo Benedetti.
Ultimo Aggiornamento: venerdì, 21 settembre 2018 06:57

Chi è OnLine

 21 visitatori online

Gli Articoli Più Letti

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.